.
Annunci online

  danielacondemi politica, antipolitica, ecologia
 
Diario
 


NON SONO LE IDEE
CHE MI SPAVENTANO,
MA LE FACCE".
(L. Longanesi)

politichiamo



In particolare:
Appunti e spunti per un centrodestra ecologista

L'Altra Napoli
La società del rifiuto
Intervista ad Ale e Franz



Inserisci la tua e-mail:


Powered by FeedBlitz





tutto blog
Antivirus gratis in italiano per vista,  windows vista e xp
Statistiche gratis


28 ottobre 2006

Governo di larghe intese e referendum ‘taglia-ali’. Prego, la Lega si accomodi fuori.

E Calderoli incomincia a perdere la pazienza con Berlusconi, accusandolo addirittura di ‘fare ‘miracoli’ a favore di Prodi.
L'immarcescibile Roberto Calderoli, attuale vice presidente di Palazzo Madama, lancia a Berlusconi un'accusa che, se non fosse sparata da un esponente di punta di un partito solitamente abituato a dirle grosse, espressa da un normale ex alleato di ferro suonerebbe alquanto pesantina. Calderoli, in un'intervista a La7, dichiara che: 'ogni volta che c'e' una votazione a rischio per il governo, si manifesta una specie di desistenza mascherata', spiegando che 'nel momento giusto c'è sempre qualcuno che si ammala, e allora succede che alla prima votazione si va in pareggio e, alla seconda o alla terza, qualcuno del centro-destra, e non parlo di Udc o di Lega, ma di Forza Italia e An, viene colpito da coliche e da dissenterie e sparisce. Per cui i numeri dell'opposizione si abbassano e Prodi resta in piedi grazie, diciamo cosi', a un miracolo'. Insinua insomma che proprio Berlusconi terrebbe bordone a Prodi nel rimanere in sella, a causa del disegno di legge Gentiloni sulle tv. Mica una cosa da poco, a meno che non sia detta da Calderoli.
E poi ne lancia un'altra: se non si va ad elezioni anticipate in tempi brevi, la leadership del Cavaliere sarebbe da rivedere: '"è evidente che se le elezioni saranno nel giro di un anno, un anno e mezzo, la cosa non si mette neppure in discussione. Se, invece, dovesse trascorrere piu' tempo, allora credo che certi argomenti messi sul piatto da An e Udc potrebbero ritornare attuali". Ma non si tratta soltanto delle solite sparate motivanti verso l'elettorato leghista, ed alla fine viene fuori il vero grande timore: la riforma del 'porcellum'. L'ex ministro rivela che, contro il referendum elettorale, la Lega avrebbe addirittura avviato dei contatti con Rifondazione Comunista e con i partiti del centro. "Non siamo gli unici ad avere l'esigenza che una riforma elettorale del genere non passi in aula e che non venga neppure votata dal popolo, anche se, se vi dovesse essere il sostegno di Rai e Mediaset, sarebbe difficile contrastarla"."Li sto gia' contattando: parlo di Rifondazione comunista, ma anche del Pdci e dei Verdi. E pure dell'Udc, che verrebbe massimamente schiacciata da questa riforma".
Come già accennato infatti in questo post, anche secondo Calderoli si tratterebbe proprio di un referendum "che ha l'esigenza di cancellare le ali" e "tra i promotori ci sono esponenti di primo piano di Forza Italia, dei Ds, della Margherita e anche An condivide questa ipotesi". "Creerà un partito di destra e un partito di sinistra e tenderà a cancellare chi rappresenta un territorio o determinate istanze sociali". E il timore corre all'idea che Berlusconi ormai non voglia più bene alla Lega: "Lui dice che adesso vede e ci pensa. Io, però, quando vedo tra i promotori del referendum esponenti di partiti che da soli costituiscono il 70% del Parlamento, sento puzza di bruciato". Delineando i possibili scenari di un dopo Prodi (che definisce 'un pericoloso bugiardo'), Silvio Berlusconi sembra aprire ad un governo di larghe intese che porti il Paese 'alle elezioni in 12-24 mesi', ricucendo di conseguenza il dialogo con Casini (apparenza o realtà? Così di fatto toglie ancora una volta all'ex presidente della Camera lo scettro dell'interlocutore), e riscuotendo anche l'accordo di An. Rimarrebbe fuori la Lega, e in questo scenario viene da domandarsi quale potrebbe mai essere a questo punto il futuro politico del Carroccio. Esiste ancora un posto per la Lega, oppure la sua stagione va inesorabilmente verso la fine? A Calderoli non resta che fare gli scongiuri: "Sento puzza di inciucio, vade retro Satana...".  
Ma al momento Bondi per Forza Italia preannuncia una marcia indietro sulle larghe intese:  ”Non possiamo andare avanti se non abbiamo interlocutori”. Ed anche per oggi la Lega è salva.



Post pubblicato da PigiamaMedia e da Libero Blog.




permalink | inviato da il 28/10/2006 alle 17:17 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (11) | Versione per la stampa

sfoglia     settembre        novembre
 

 rubriche

Diario
Articolo del giorno
Cronache politiche
Hanno detto
Scontri culturali
Sarò anche la loro voce
Al momento abbiamo un solo pianeta
Altra Napoli
Interviste
Divagazioni
Mondo
Eventi e manifestazioni

 autore

Ultime cose
Il mio profilo

 link

LAV
L'AltraNapoli
IPAM


RadioRadicale
Streamit
The Blog TV
Dagospia
Il Ficcanaso Tv
Il Corriere dell'Irpinia
Cosmopolis


***BLOG DA VEDERE
Adinolfi
Bioetica
Bolognetti
Daw
De Amicis
De Marchi
Dyotana
Ecoblog
Giornalettismo
Oscar Grazioli
Grillo
Hurricane
Inoz
Inyqua
Jazztrain
LiberaliperIsraele
Malvino
Nardi
Nazione Indiana
Politicrack
Riganera
Welby
Animali e diritti
Cercocasa
*Tocqueville
*The Network journal

Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0

Feed ATOM di questo blog Atom