.
Annunci online

  danielacondemi politica, antipolitica, ecologia
 
Diario
 


NON SONO LE IDEE
CHE MI SPAVENTANO,
MA LE FACCE".
(L. Longanesi)

politichiamo



In particolare:
Appunti e spunti per un centrodestra ecologista

L'Altra Napoli
La società del rifiuto
Intervista ad Ale e Franz



Inserisci la tua e-mail:


Powered by FeedBlitz





tutto blog
Antivirus gratis in italiano per vista,  windows vista e xp
Statistiche gratis


6 maggio 2007

Un tesoretto di padre di famiglia

Immaginate di essere un buon padre di famiglia, di avere una moglie e dei figli a carico e di aver contratto un enorme debito – poniamo un mutuo trentennale – che ogni mese con la propria rata da pagare sottrae un buon quantitativo di risorse, inducendo tutta la famiglia a pagare, ancor prima del debito, gli interessi passivi indotti dal debito stesso.
Poniamo che a un certo punto vi arrivi una piccola sommetta grazie ad un debitore al quale avevate prestato un po’ di soldi e che ormai consideravate insolvente.

Poniamo che a quel punto l’arrivo della piccola somma e la prolungata situazione di ristrettezza inducano ogni membro della famiglia a chiedere di spendere per sé un po’ di quella somma, fino ad esaurirla completamente. La moglie chiede di rinnovare l’arredamento, il ragazzino di comprare la nuova playstation e il nonno di andare a fare una bella vacanza. La piccola somma è sufficiente per fare soltanto una di queste cose.

A quel punto vi trovate davanti ad un bel dilemma: o estinguere una parte del mutuo così da poter alleggerire la rata da pagare ed essere tutti un po’ meno poveri per i mesi e gli anni a venire, oppure rendere contento e soddisfatto almeno uno dei vostri familiari per una settimana.
Nel primo caso, quello in cui doveste destinare il tesoretto alla riduzione del debito, tutti i familiari che avevano avanzato pretese saranno scontenti e incavolati per un po’, ma esiste la possibilità che col tempo possano apprezzare questa scelta, percependo la conseguenza di un lieve miglioramento generale. Nel secondo caso vostra moglie, vostro figlio o il nonno saranno momentaneamente contenti, e placheranno i propri capricci per un po’, mentre gli altri componenti della famiglia probabilmente saranno imbufaliti e vi romperanno i cabasisi per i giorni a venire, ma quello che è certo è che dalla settimana successiva tutti quanti insieme dovrete tirare la cinghia come e più di prima.
Secondo voi come agirebbe, non dico uno statista o un grande politico, ma semplicemente uno che volesse usare la 'diligenza del buon padre di famiglia'?

Segnalato su Libero Blog




permalink | inviato da il 6/5/2007 alle 21:2 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa

sfoglia     aprile        giugno
 

 rubriche

Diario
Articolo del giorno
Cronache politiche
Hanno detto
Scontri culturali
Sarò anche la loro voce
Al momento abbiamo un solo pianeta
Altra Napoli
Interviste
Divagazioni
Mondo
Eventi e manifestazioni

 autore

Ultime cose
Il mio profilo

 link

LAV
L'AltraNapoli
IPAM


RadioRadicale
Streamit
The Blog TV
Dagospia
Il Ficcanaso Tv
Il Corriere dell'Irpinia
Cosmopolis


***BLOG DA VEDERE
Adinolfi
Bioetica
Bolognetti
Daw
De Amicis
De Marchi
Dyotana
Ecoblog
Giornalettismo
Oscar Grazioli
Grillo
Hurricane
Inoz
Inyqua
Jazztrain
LiberaliperIsraele
Malvino
Nardi
Nazione Indiana
Politicrack
Riganera
Welby
Animali e diritti
Cercocasa
*Tocqueville
*The Network journal

Blog letto 522653 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0

Feed ATOM di questo blog Atom