.
Annunci online

  danielacondemi politica, antipolitica, ecologia
 
Diario
 


NON SONO LE IDEE
CHE MI SPAVENTANO,
MA LE FACCE".
(L. Longanesi)

politichiamo



In particolare:
Appunti e spunti per un centrodestra ecologista

L'Altra Napoli
La società del rifiuto
Intervista ad Ale e Franz



Inserisci la tua e-mail:


Powered by FeedBlitz





tutto blog
Antivirus gratis in italiano per vista,  windows vista e xp
Statistiche gratis


13 aprile 2006

Due paroline sui brogli elettorali

Leggendo le affermazioni di molti esponenti della Casa delle Libertà sui brogli elettorali lo ammetto, se soltanto fossi un’osservatrice qualunque mi verrebbe la tentazione di pensare che lo schieramento perdente, seppur di pochissimo ma perdente, non vuole darsi per inteso della sua sconfitta.

Tuttavia in questo caso non mi sento proprio un’osservatrice qualunque e devo invece sottoscrivere che la questione dei brogli elettorali è molto seria e niente affatto pretestuosa.

Parlo per fatto personale e potrei portare gli atti di un processo penale durato sei anni e conclusosi con un accertamento del reato ma anche con l’impossibilità a procedere per prescrizione del reato. E con l’esito che, nonostante fosse ormai acclarato che l’elezione era avvenuta con i brogli, l’imputata beneficiante non ha mai lontanamente pensato di dimettersi, nemmeno per decenza. Il fatto è accaduto diversi anni fa ma a tutt’oggi entrambi gli imputati di allora ricoprono ruoli istituzionali e politici. Dunque carta canta e ho raccontato la vicenda per dimostrare che qualche titolo per parlare di questo argomento ce l’ho.

E soprattutto per segnalare che, sebbene si tratti spesso di realtà poco conosciute, bisogna ammettere che fa parte della forma mentis di una certa parte di una certa sinistra (i distinguo sono d’obbligo) il pensiero che i brogli elettorali possano anche essere un mezzo un po’ machiavellico, illegale ma moralmente lecito, per dare un ‘aiutino’ alla propria parte politica affinché raggiunga il sommo bene che, guarda un po’, incidentalmente coincide anche con il bene pubblico. Tanto da arrivare, come nel caso in questione, a compiere brogli elettorali addirittura a scapito di candidati della propria lista i quali, però, rappresentavano un’altra anima politica, magari un po’ più liberale.

Dunque è giusto: in democrazia chiunque deve saper perdere, ma avanti con i controlli affinché sia pienamente rispettata la libertà e la scelta dei cittadini, senza criminali ‘aiutini’ da parte di nessuno.




permalink | inviato da il 13/4/2006 alle 17:38 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (9) | Versione per la stampa

sfoglia     marzo        maggio
 

 rubriche

Diario
Articolo del giorno
Cronache politiche
Hanno detto
Scontri culturali
Sarò anche la loro voce
Al momento abbiamo un solo pianeta
Altra Napoli
Interviste
Divagazioni
Mondo
Eventi e manifestazioni

 autore

Ultime cose
Il mio profilo

 link

LAV
L'AltraNapoli
IPAM


RadioRadicale
Streamit
The Blog TV
Dagospia
Il Ficcanaso Tv
Il Corriere dell'Irpinia
Cosmopolis


***BLOG DA VEDERE
Adinolfi
Bioetica
Bolognetti
Daw
De Amicis
De Marchi
Dyotana
Ecoblog
Giornalettismo
Oscar Grazioli
Grillo
Hurricane
Inoz
Inyqua
Jazztrain
LiberaliperIsraele
Malvino
Nardi
Nazione Indiana
Politicrack
Riganera
Welby
Animali e diritti
Cercocasa
*Tocqueville
*The Network journal

Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0

Feed ATOM di questo blog Atom